L’epilessia non si vede: per l’INPS il tuo 100% di invalidità e l’inabilità lavorativa son nulla.


keep-calm-and-wear-purple-for-epilepsy-happy-purple-day

Ecco, nel titolo la mia storia. Il problema è una sorta di cortocircuito alla base. Sei inabile al lavoro, invalida al 100 per cento, ma l’INPS determina che questo non ti dà alcun diritto né di pensione né di assegno e che puoi continuare a vivere logorandoti di crisi, sul lavoro. Tanto non sono loro nelle tue condizioni (immagino la vexata questio della tempesta di cervelli “come fai a dimostrarle, ste crisi? Lei dice di averle, noi non le vediamo, quindi nulla! che vada avanti così è certamente una FALSA INVALIDA!”).

E un vaffan@@lo all’umanità, alla professionalità e alla logica. Perché l’epilessia farmacoresistente è una cosa che non si vede, quindi se non si vede non esiste e se non esiste TU  (che ce l’hai) MENTI!

Anche con l’invalidità mi faccio grandi problemi a prendere giorni per riposare e non dovrei… Ho pure la 104 art 3 comma 3. Ma vado a lavoro pure se sono molto stanca.

Vorrei vedere la Commissione che mi ha detto che non ho nulla, nelle mie condizioni: sono tosta, e prima di cedere le armi per una qualsiasi condizione legata allo stress dovuta a questa situazione, mi piacerebbe intervistarli e chiedere loro: PERCHE’? VI FA SENTIRE MEGLIO DIRE NO DAVANTI A SITUAZIONI CHE NON CONOSCETE?

Se invalidità e inabilità lavorativa non rivedibili son riconosciute dall’ultima commissione ASL, perché un’altra commissione INPS dice che non ho diritti? Sol perché vi è il Ministero delle Finanze di mezzo? Allora di Ippocrate questi medici nulla sanno, respingono un’epilettica come respingono persone con patologie più importanti o gravi delle mie, persone sulla sedia a rotelle, col cancro (perché camminano e stanno in piedi) o altri sventurate o sventurati.

Tornerò su queste problematiche perché di mezzo c’è la pelle delle persone più deboli. Come sempre si gioca violentemente sugli ultimi, su chi non si può difendere: qualcuno dovrà pur far comprendere all’Istituto che l’epilessia farmacoresistente non si vede, ma c’è ed è una patologia estremamente invalidante e che non ho chiesto niente che non mi spettasse.

Sono stanca, mi sono sentita abbastanza umiliata, ora smetto qui.

Sveva Stallone

#PurpleDayAmbassadorinMilan

 

 

Annunci