Il Manifesto dei Giornalisti Freelance


Lo posto anche sul mio blog. Sostengo sia parola per parola quello che ha scritto il collega, sia ogni sforzo fatto per migliorare una situazione quale quella di noi giornalisti freelance. Se va bene e quando va bene… Pagati due euro e cinquanta centesimi al pezzo.

PressWeb

Il Manifesto dei Giornalisti Freelance Il Manifesto dei Giornalisti Freelance

Contrariamente a quanto (ancora) molti lettori sembrano pensare, una quantità estremamente cospicua degli articoli pubblicati su quotidiani, periodici e giornali on line è il frutto del lavoro di giornalisti freelance: si tratta di professionisti dell’informazione, quasi sempre iscritti all’albo dei giornalisti, non contrattualizzati e che vengono pagati “a pezzo“.
Guidati dalla passione per il proprio lavoro, i freelance prestano la propria collaborazione nei modi più svariati: interviste, articoli di analisi, di cronaca e, qualche volta, di commento, per non parlare di vere e proprie inchieste anche particolarmente impegnative ed elaborate.
Le scarse (per non dire inesistenti) tutele e la frequente bassa retribuzione di cui “gode” la stragrande maggioranza dei giornalisti freelance sono una innegabile realtà: chiunque operi nel settore dell’informazione non può che esserne al corrente, editori compresi.
Nella galassia dei freelance, non mancano gravi esempi di articoli pagati anche soltanto pochissimi euro e ciò avviene alla faccia di ogni minimo senso…

View original post 473 altre parole

Annunci

2 thoughts on “Il Manifesto dei Giornalisti Freelance”

I commenti sono chiusi.