Zodiac, non mi chiamo Paul Henry.


image

È così, alla fine vedi un film e ti ci riconosci; a me è successo con Zodiac. La storia di un assassino e della lunga lotta per trovarlo, tra giornalisti, polizia e lo stesso assassino. Tra i giornalisti ne spiccano due del San Francisco Chronicles: uno sgamatissimo, molto presente, veloce… Dalla penna velenosa e facile (Paul Henry, ci rivedo due colleghi). Un altro lento, razionale e molto ponderato, mi somiglia (nel film è un fumettista). Partenza lenta, pensiero lento… Ma alla fine arriva al punto. QUEL punto che nessuno ha considerato; quello così nascosto e insignificante, che di solito se è un servizio, si appioppa alla giornalista sfortunata di turno. O a quella appena arrivata. Che, considerando tutto, alla fine fa BUM! e per via della lentezza batte tutti. Ecco.

Caro Zodiac, non mi chiamo Paul

Henry”.

Scritto da sV3vA con WordPress per Android

Annunci

One thought on “Zodiac, non mi chiamo Paul Henry.”

I commenti sono chiusi.