Svegliatemi….


Ok, svegliatemi. E’ sicuramente un brutto sogno: anzi, un incubo. Quando mi sveglierò mi troverò in un Paese che rispetta la Costituzione, dà lavoro ai giovani (e ai meno giovani), paga le pensioni, paga il giusto chi lavora per lo Stato, ma non strapaga i ministri e gli accoliti.

Quando mi sveglierò, sarò di nuovo in un Paese che condanna la mafia, la ‘ndrangheta e tutte le organizzazioni criminali e sarò in un Paese che non fa scappare i suoi giovani all’estero, ma alimenta la ricerca, lo studio, la scuola, l’Università.

Quando mi sveglierò da quest’incubo, le donne saranno pagate al pari degli uomini, qualsiasi lavoro avranno intrapreso e tutti i lavoratori saranno difesi dai sindacati. Che, finalmente, avranno poco lavoro da fare e saranno ben lieti di fare consulenze così, perché gli va di farle.

Quando mi sveglierò, gli affitti delle case non saranno impossibili e tutti potranno avere un tetto sulla testa. Ma anche non fosse possibile, quando mi sveglierò, il Comune potrà provvedere a tutti coloro che un tetto non ce l’hanno e d’inverno nessuno morirà più congelato, né d’estate per un colpo di calore.

Ok, svegliatemi: quando uscirò da quest’incubo, gli anziani come mamma o come la mamma di un mio caro amico (e tutte le altre mamme) non vivranno più nel degrado totale solo perché una casa non se la possono permettere e l’Aler si prenderà cura di tutti i suoi edifici, spariranno topi, scarafaggi e ragnatele.

Quando mi sveglierò, io e molti come me, potremo fare la spesa fino a fine mese e avremo di che vivere dignitosamente, senza il di più, ma con decoro. Quando mi sveglierò da quest’incubo un giornale chiamerà di nuovo tutti i giornalisti e dirà a quelli a spasso: abbiamo del lavoro per voi, non vogliamo più che lavoriate gratis o pagati meno”.

Svegliatemi.

Annunci

One thought on “Svegliatemi….”

I commenti sono chiusi.