Delusioni…


Questo è un blog quindi – ogni tanto – si trovano pezzi di pensieri sparsi per le pagine dello stesso. Avviso ai naviganti: questo è uno di quei pezzi. Molto personale: lo sfogo derivante da una delusione tremenda.

Non ho molto da dire, senonché la mia coscienza è davvero tranquilla. Agitato è l’animo, perché perdere un’amicizia è sempre cosa molto dolorosa, soprattutto se la decisione è one way. Ho provato a fare dei ragionamenti logici, reali, da persona matura e adulta quale sono, ma mi sono scontrata con un pensiero ferito, arrogante, egoista, squilibrato (il pensiero, non la persona). E’ un pensiero di una “donna” che si è sentita offesa dalla mia posizione e alla fine ha sentenziato: “frequentare persone come te mi fa stare male, quindi preferisco allontanarti”.

Persone come me, appunto. Persone che stanno ad ascoltare, che tengono il cellulare acceso tutta la notte, che rispondono agli sms anche alle due del mattino, che stanno ore e ore al telefono per cercare di tamponare una situazione allucinante. Persone che magari non vedi spesso, ma che quando hai bisogno sono lì, salde. Come rocce.

Ho amici che abitano ai lati opposti del globo terracqueo, ma sono (e rimarranno) sempre amici: qualità e non quantità…

Questa – sul mio Pianeta – si chiama amicizia. Non sentirai mai frasi di circostanza, sarò sempre l’altra voce, quella che nessuno ti racconta. Arrivare alla violenza mai. Non prendo a pugni, faccio galoppare il cervello. E questo NON si chiama “essere dorotei”, cara la mia ragazzina ricca e viziata, ma essere ADULTI.

Speravo dimostrassi mentalmente più dei tuoi 30 anni. Che sono pochi, sì, ma giusti se vuoi avere a che fare con persone adulte. Mi hai ferita e in questi giorni sto male da morire (naturalmente questo fa parte del mio mondo di pongo dove tutti vogliono bene a tutti)…

Come verso la fine della telefonata, ti rinnovo gli auguri: spero un po’ più di serenità per te e che tu riesca – non so come – ad affrontare i rapporti umani con maggior sincerità e minor aggressività.

Sveva

ps: Cresci pensando con la TUA di testa, non cpon quella della psic o dei tuoi. Sei grandicella, ormai…

Annunci

7 thoughts on “Delusioni…”

    1. Grazi, innanzitutto. Troverai che su questo blog sono pubblicate raramente impressioni così personali. Ma perdere un’amicizia è una di quelle cose che richiede sempre molta elaborazione…Sicché. Grazie, perché ti sei fermato a leggere e hai anche visto altro. Ho intenzione di spostarlo pian piano sulla piattaforma Reporter Sans Frontières. Mi reco immantinente a leggere il blog e le news…

      Mi piace

  1. Nella prosperità i nostri amici ci conoscono; nelle avversità noi conosciamo i nostri amici…Ho trovato questo commento bellissimo, riportato in latino da un amico, nel suo profilo di twitter…

    Mi piace

  2. Devo chiedere immensamente scusa a tutti gli svevanettiani: a seguito di una grossa delusione sto utilizzando il mio blog proprio per ciò che è: un WEBLOG, un diario pubblicato in Rete. “Scusissima”, solitamente pubblico news di interesse generale. Ma – accidenti se fa male perdere un’amicizia. Credo che ci metterò un po’ a riprendermi. Prometto di non stressarvi troppo, però. Fate sempre le bambine e i bambini kattivi: non si andrà in Paradiso, ma almeno si gira il mondo. sV3vA

    Mi piace

I commenti sono chiusi.