Amico caro, amico bello…


A me importa ben poco di starti simpatica. Anzi, ‘porta…”s…ga”, come direbbe un mio conoscente toscano. Però…però una cosa devo proprio dirtela: take it easy! I tuoi occhietti da topo tradiscono il livore e l’acredine nei quali sguazzi da mane a sera.

La tua sola presenza serve a infastidire gli animi nobili e belli come il mio. Posso ignorarti (e lo faccio, certo), posso cambiare strada quando abbiamo la sfortuna di camminare sul medesimo marciapiede, posso girare la testa per non vederti. Ma – vedi – tutto questo daffare infastidisce.

Credo che anche tu sia al mondo per un qualche scopo (e magari è proprio quello: dare fastidio all’Universo) e quindi non posso biasimare la tua esistenza.

Ma… “EntitàSuperiore scalza nella valle dei chiodi”,  come dice il mio nipotillo, è inutile che rosichi. La tua scarsa professionalità si evince. Non è colpa mia se sei un vero incapace, credimi. E se ti senti superiore e non lo sei, questo genera in te una profonda frustrazione, perché possiamo ingannare il mondo, ma noi stessi dobbiamo fare due conti con la nostra coscienza.

E TUTTI hanno una coscienza, tu pure…

fate sempre le bambine e i bambini kattivissimi, che alla fine paga!

7V3vA


Annunci