Il pluralismo dell’informazione: arriva l'”anti-Annozero”


Sveva, l'Autrice "comunista" del blog...:)Quando si dice non avere una bandiera per il bene dell’informazione. Il secondo canale della Rai si tira fuori dai “pasticciacci” di Annozero, con “l’Antipatico”, (progetto in fase avanzata, come afferma Carlo Tecce sul “Il Fatto Quotidiano” di oggi) un nuovo programma condotto nientepopodimeno (che) da Maurizio Belpietro, attuale direttore di Libero e frequentatore assiduo di Annozero (chiamato immagino per garantire un equo dibattito). La domanda, dalla quale scaturisce la risposta è: come si fa ad annullare l’effetto “intelligente” (che fa pensare) della trasmissione di Michele Santoro per portarlo a compimento fino a maggio, senza doverlo sopprimere prima? Naturalmente mettendo in piedi un’altra trasmissione, affidandola a un giornalista di destra e facendola passare come necessaria per il tanto chiacchierato “pluralismo”. Quando non puoi vincere battendo il nemico, assecondalo. Magari ci vorrà più tempo, ma il risultato sarà sicuro.

Tant’è…


Ps: ogni opinione qui espressa è – per l’appunto – un’opinione. Lo sottolineo, ché non si sa mai…

sV3vA

Make a bad gals and fellas

Annunci

2 thoughts on “Il pluralismo dell’informazione: arriva l'”anti-Annozero””

  1. mi permetto umilmente di suggerire un’alternativa allo spreco di tempo (della propria vita) dinnanzi al televisore: abbonatevi a Topolino e leggetelo… oppure uscite a mangiare una pizza.

    Mi piace

  2. Ciao. Tra i migliori mezzi di informazione io annovero anche alcune trasmissioni tv: Annozero, Ballarò, Blob, Che tempo che fa, Exit, l’Infedele, Niente di personale, Blu Notte, La grande storia, La storia siamo noi…e poi a Topolino preferisco Dylan Dog e Martin Mystere…:). Un salutone…:)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.