Non scherziamo…niente pena di morte!


Cari svevanettiani…piuttosto (anzi certamente!) si chiude in una cella, sorvegliato a vista, zero contatti UMANI (sofferenza massima per uno che della vita ha sempre avuto un concetto quantomai vago) e si butta VIA LA CHIAVE!

Ma: sono contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro, contro…LA PENA DI MORTE!

Non siamo più civili? vogliamo metterci alla stregua di coloro che della VITA ALTRUI si sono sempre fregati? LA PENA DI MORTE rischia, in questo caso, di fare di SADDAM HUSSEIN un martire, vera arma utilizzabile da tutti i FONDAMENTALISMI.

Tutti means…COMPRESI quelli statunitensi!

E poi, se pena massima ci deve essere (quando, come in casi simili nessun recupero è possibile), questa deve essere l’isolamento TOTALE.

Fate i bambini kattivi, ma cum grano salis…

Sveva

Advertisements